sabato 19 settembre 2015

L'angolo di Dandelion #06

La recensione di Giovanna
Rosso Angelo di Claudio Scherillo

"È come se dopo una vita intera passata a ignorarmi, Dio si fosse improvvisamente accorto della mia esistenza e avesse cercato di rimediare al suo stesso errore - quello di farmi venire al mondo - squarciandomi il torace in due e infilandomici a forza un'anima dentro; una coscienza, la stessa che non ho mai avuto, che non avevo mai chiesto né cercato."

"Rosso Angelo", opera di Claudio Scherillo, è un thriller psicologico ad alto tasso di suspence.
Qui potete leggere la sinossi, un estratto o acquistare l'ebook.

È un Thriller, con la T maiuscola: uno di quei romanzi che bisogna seguire con attenzione dall'inizio alla fine, di cui non ci si può perdere neanche un pezzo per non lasciarsi indietro parte della storia.
Senza perdersi in inutili digressioni e dettagli irrilevanti e con uno stile semplice e diretto, l'autore ci immerge nella mente di Angelo, il protagonista, e attraverso le sue parole ci presenta un personaggio enigmatico; un giustiziere, più che assassino senza scrupoli, ora vittima del blocco del mostro, ma vanitoso quanto basta e fiero del suo agire, per quanto controverso possa essere.
La narrazione, non lineare, ci catapulta negli eventi seguendo due piani temporali: uno attuale, ambientato proprio nel 2015, ed uno passato, che ci presenta gli eventi in ordine sparso. Così l'autore ci svela pian piano dei piccoli dettagli sul protagonista e sulla sua storia e ci fornisce tutti gli strumenti per ricostruirla.
Particolare è la presenza dei colori; del Rosso, che si incontra in modo ricorrente durante tutta l'opera come una maledizione nei confronti del protagonista, contrapposto a quelli del Mostro dei Colori, l'assassino-artista che utilizza le membra delle sue giovani vittime come perverse e raccapricciati opere d'arte. Ruolo centrale di quest'opera ce l'ha proprio l'arte, capace di rendere spettacolare anche la morte.
I colpi di scena si susseguono con un ritmo incredibile, conducendoci verso un finale che, come ogni thriller psicologico che si rispetti, risulta essere genialmente inatteso e paradossale.

Una lettura avvincente, caldamente consigliata agli amanti del thriller.
5 stelle su 5 :)

Giovanna Evangelista per Dandelion
scrittrice di Giochi di Ombre

Se volete leggere gli scorsi incontri de L'angolo di Dandelion, eccoli:
L'angolo di Dandelion #01 (La recensione di Giovanna di L'ultimo uomo rimasto);
L'angolo di Dandelion #02 (La recensione di Giovanna di Polvere di stelle);
L'angolo di Dandelion #03 (La recensione di Giovanna di I due volti di Nuova Delhi);
L'angolo di Dandelion #04 (La recensione di Giovanna di Furens Lupus Sum);
- L'angolo di Dandelion #05 (La recensione di Giovanna di Allucinazioni).

4 commenti:

  1. Ciao. Ti ho taggato in questo post: http://lasoffittadiamelia.blogspot.it/2015/09/doctor-who-book-tag.html
    Spero t'interessi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Domattina do un occhiata :D

      Elimina
  2. La cover mi ha attirata tantissimo *-* e la tua recensione, ancora di più!! Finisce dritto dritto in wishlist, io amo i thriller psicologici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La recensione è di Giovanna Evangelista, e puoi avere più informazioni sull'iniziativa a questo link: http://angledeslivres.blogspot.it/p/langolo-di-dandelion.html

      Comunque sì, è suggestiva!

      Elimina

 

Template by BloggerCandy.com