lunedì 6 gennaio 2014

Recensione | Le pagine della nostra vita di Nicholas Sparks - Il romanzo e il paragone con il film.

Diciamo che sono una delle poche persone al mondo che ancora doveva leggere un romanzo di Nicholas Sparks. Tutto è accaduto una magica notte di Natale del 2013, quando scarto il mio regalo di natale - naturalmente avevo capito si trattasse di un libro -, e lì trovo Le pagine della nostra vita, un regalo di mia mamma. Siccome vedemmo il film insieme tempo fa, ha saggiamente deciso di prendermi il libro.



Titolo: Le pagine della nostra vita
Titolo originale: The Notebook
Autore: Nicholas Sparks
Genere: Romanzo
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pickwick
Prezzo di copertina: € 9,90
Pagato con lo sconto: € 8,41
Pagine: 182
Dedica: Questo libro è dedicato con amore a Cathy, mia moglie e mia amica.

Trama: North Carolina, 1946. Il giovane Noah, tornato nel paese natale dopo la guerra, realizza il sogno di abitare nella grande casa vicino al fiume, da lui riportata all'antico splendore. Alla perfezione del quadro manca però Allie, una bellissima ragazza incontrata anni prima, amata disperatamente nel breve spazio di un'estate e mai più ritrovata. Invece, un giorno lei ricompare, per vederlo un'ultima volta prima di sposarsi. Ma il destino ha deciso altrimenti, scrivendo per Noah e Allie una storia diversa... Un romanzo indimenticabile, da cui è tratto l'omonimo film con Gena Rowlands e Ryan Gosling.
La storia di un grande amore, la favola intensa e struggente di una passione senza età e senza tempo.

Brevi notizie sull'autore: Nicholas Sparks è nato in Nebraska nel 1965 e ha studiato alla University of Notre Dame. Vive con la moglie e i cinque figli in North Carolina. Insuperabile narratore dei sentimenti, è autore di numerosi bestseller, tradotti in più di quaranta lingue e sempre presenti ai vertici delle classifiche internazionali.


La mia recensione



«È un buon libro quello che si apre con aspettativa e si chiude con profitto.» Amos Bronson Alcott, Table Talk, 1877

Solo per un attimo, dimenticate tutti i romanzi che avete letto e soffermiamoci su questo. "Le pagine della nostra vita" di Nicholas Sparks è forse il romanzo più perfetto che io abbia mai letto, e ne ho letti parecchi. È il romanzo più realistico, secondo me. Non si parla di un amore perfetto come nella maggior parte di altri romanzi, ma si parla di un amore pieno di difficoltà ed ostacoli. Si incontrano, si innamorano, si dividono, e dopo 14 senza notizia l'uno dell'altra si rincontrano, si innamorano nuovamente e rimangono insieme fino alla fine dei loro giorni.
Una storia apparentemente troppo perfetta, però se scaviamo infondo, se cerchiamo e capiamo il significato delle parole e del contesto, troviamo un Noah ottantenne, che nonostante la malattia di Allie, perennemente innamorato, un uomo che non si è dato per vinta al primo segno di Alzheimer della moglie.
E diciamocela tutta, Noah ed Allie ne hanno passate di belle e di brutte.. specialmente di brutte. Si sono amati ed hanno litigato. Hanno litigato e si sono amati.
Un romanzo all'insegna di quell'amore imperfetto, di quell'amore che va oltre le barriere di gruppi sociali differenti, di quell'amore triste, ma allo stesso tempo poetico e sensuale.
Allison Nelson, ragazza ventinovenne della buona società, fidanzata, in cerca di risposte essenziali, e Noah Calhoun, il sognatore, visitato dal fantasma che avrebbe dominato la sua vita.
Siamo troppo abituati, talvolta dalla TV e talvolta da altri romanzi, all'amore senza limiti tra un ragazzo spaccone e una ragazza timida. È (quasi) sempre così, ecco perché questo romanzo mi è piaciuto. Perché è diverso. Non racconta, appunto, del ragazzo stronzo che vuole lei a tutti i costi, e della ragazza timida che lo vuole, ma non sa cosa fare, che si rinchiude in se stessa, che crede di fare la cosa sbagliata eccetera. No.
Abbiamo due personaggi maturi, sicuri di sé e pieni di emozioni. Noah non è lo stronzo della situazione, bensì è un ragazzo dolce che ama la poesia e che ama leggerla alla sua ragazza. Allie non è la ragazza timida, ma, invece, oscilla tra il non essere sicura e l'essere sicura, e che alla fine fa sempre la scelta giusta. Allie non si pone troppe domande, lei reagisce e guarda in faccia i problemi.

Quando arriviamo alla porta d'ingresso io sono stanco. Lei lo sa e si ferma, con un tocco ella mano mi induce a voltarmi e siamo uno di fronte all'altra. Mi rendo conto di quanto io mi sia ingobbito. Adesso siamo alti uguali. A volte mi rallegro pensando che lei non si rende conto di come io sia cambiato. Mi fissa a lungo.
«Che cosa fai?» le chiedo. 
«Non voglio dimenticare te. Non voglio dimenticare questo giorno. Cerco di tenervi vivi nella mia memoria.»
Funzionerà questa volta? mi chiedo, e subito mi rispondo di no. È impossibile. Però le nascondo quel che penso e invece sorrido, perché ha detto parole così dolci.
«Grazie», mormoro.
«È la verità. Non voglio dimenticarti di nuovo. Sei molto importante per me. Non so che cosa avrei fatto oggi senza di te.»
Un nodo mi stringe la gola. C'è dell'emozione nella sua voce, la stessa emozione che provo quando penso a lei. È per questo che vivo, e in quel momento la amo teneramente. vorrei avere la forza di sollevarla con le mie braccia fino al paradiso. 
«Non sforzarti di parlare», mi dice, «godiamoci questo momento.»
È quello che faccio, estasiato.

Non c'è modo per descrivere i personaggi di Sparks. Hanno una personalità molto forte, lo scrittore riesce ad esprimere i sentimenti di tali personaggi in una maniera fantastica, assurda. Noah ed Allie sono due personaggi di spessore, con una profondità molto evidenziata nel romanzo, ed è questa, forse, al cosa migliore. Insomma, i personaggi non sono monotoni. Provano dolore, provano felicità. Provano delle emozioni.


Citazione preferita
Nessun uomo annegando saprà mai quale goccia d'acqua porrà fine al suo ultimo respiro. 



Come ho detto prima di iniziare la recensione, vidi il film con mia madre tanto tempo fa e già lo amai, però non ero ancora appassionato al mondo della lettura, quindi rimasi con il film.
Forse, questo, è uno dei pochi casi in cui ho preferito il film al libro. Sarà stato per l'ampliamento di come si sono incontrati, sarà stato per le scene aggiunte di quell'estate in cui si incontrarono.. il film è un capolavoro e l'ho apprezzato un pelino in più del libro.
L'unica pecca che c'è nel film è la scena in cui la madre di Allie le da tutte le lettere che Noah le ha scritto, infatti ho apprezzato molto di più il modo in cui viene descritta e proposta nel libro.



VOTO AL LIBRO
VOTO AL FILM

Giudizio finale: Non è un semplice romanzo. È il romanzo. Non deve mancare assolutamente nella libreria di casa!
Consigliato? Assolutamente sì.

Puoi acquistarlo sul sito della Feltrinelli cliccando qui, con lo sconto del 15% a soli € 8,41!


Con un commento fatemi sapere, voi, cosa ne pensate di questo libro, se l'avete letto, se lo consigliate agli altri, se la pensate come me, se non la pensate come me, se avete altro da dire riguardo al film e tutto ciò che vi passa per la mente! :)

3 commenti:

  1. Io amo il film! L'ho visto diverse volte! Ora dopo tanto rimandare sto finalmente leggendo il libro e per adesso mi sta piacendo un pochino meno del film, vedremo come finirà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la mia foto la dice lunga xD

      Elimina
  2. Ciao :)
    Sn una nuova blogger. Sn incappata sul tuo blog, ho letto la tua appassionata recensione, e ammetto ke mi é piaciuta molto :).
    Come te, anch'io ho amato alla follia questo romanzo. Nonostante il film con Rachel Mcadams, a mio avviso, é stato molto più bello :)...
    Benvenuto nella blogsfera, e complimenti x il blog e x le belle parole!!! É raro trovare persone cosí sensibili, al giorno d'oggi :)
    Ti seguiró con piacere...
    Buone letture ;)

    RispondiElimina

 

Template by BloggerCandy.com